Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy

FESTA DELLA LIBERAZIONE - VIA ''GIUSEPPE CARON''

25 aprile 2021

In occasione della Festa della Liberazione, l’Amministrazione Comunale ha deciso di formalizzare e rendere noto, la modifica della cartellonistica stradale che individua la Via “Caron” in “Via Giuseppe Caron”, indicando specificamente le generalità del partigiano Caron, cui la stessa era già origina

Data di Pubblicazione

25 aprile 2021

GIUSEPPE CARON BIO

Giuseppe Caron, nasce il 13.01.1926 a Nove di Bassano (VI) e da subito la sua famiglia si trasferisce in Via Ardoneghe, a Brugine, ai confini con la nostra Vigorovea. Fu presidente dell’Azione Cattolica e fece parte della brigata partigiana “Guido Negri”, che insieme alla brigata “Garibaldi”, faceva parte del Comitato di Liberazione Nazionale di Padova. Sabato 28 Aprile 1948 Giuseppe Caron era diretto insieme ad alcuni partigiani della sua brigata verso Legnaro, dove doveva compiere una missione del Comitato di Liberazione Nazionale, finalizzata a chiedere la resa dei partiti tedeschi della Wehrmacht, in ritirata e che presidiavano il paese. Mentre si svolgevano le trattative, tese ma pacifiche, le SS si impadronirono del Presidio e sostituirono le trattative con una violenza brutale. Giuseppe Caron fu fatto prigioniero e tenuto come ostaggio. Nella mattina di domenica 29 Aprile 1945 a Stra, davanti alla Villa Pisani, a soli 19 anni, Giuseppe Caron venne brutalmente ucciso, con una raffica di mitra che gli squarciò il petto, mentre con le mani giunte, stringeva la corona del rosario.

Nel video, Andrea Righi, ci leggerà alcuni passaggi del Diario di Giuseppe Caron, scritto dal 01.01.1945 al 27.04.1945 e pubblicato grazie alla collaborazione del Comune di Brugine (PD).

Il Vicesindaco Avv Angela Furlanetto